sabato 23 maggio 2009

PD, DESTRA: FUGA DAL CONFRONTO

UNA CAMPAGNA ELETTORALE SENZA LA MAGGIORANZA
Il sindaco uscente Bianchi (PD) rinuncia al confronto pubblico e la Destra gli fa compagnia.

Sono finalmente usciti allo scoperto, o meglio, si sono definitivamente trincerati dietro i “troppi impegni di campagna elettorale”: dopo settimane di richieste e sollecitazioni da parte della neonata lista civica MENTELOCALE, il PD di San Giovanni in Marignano e il suo sindaco uscente Bianchi hanno definitivamente deciso che non parteciperanno al confronto pubblico con gli elettori programmato per domenica 24 maggio.

Troppi impegni, dicono, anche se sembra invece che i motivi siano altri: pochezza di programma, incapacità di affrontare critiche per il loro (non) operato, disinteresse per un politica partecipata. E ancora, troppa paura di sostenere un confronto con chi, invece, di idee ne ha e tante, con chi vuole partecipare veramente!!!

Lo stesso dicasi del candidato Bordoni della Destra che, appreso il rifiuto di Bianchi, ha deciso anche lui di “buttare tutto a mucchio” consapevole del fatto che un dibattito a tre (MENTELOCALE, Sinistra Critica e Rifondazione Comunista) non avrebbe molto senso. L’ennesimo colossale favore che Bordoni fa all’amico Bianchi, l’ennesima occasione persa di fare veramente opposizione.

I marignanesi dicono che la Destra ha paura di vincere e che forse non gli interessa veramente l’amministrazione del paese, meglio una finta opposizione finalizzata al mantenimento delle status quo e dei propri interesse personali.

E’ già la seconda volta il sindaco uscente Bianchi e Bordoni si tirano indietro: anche all’intervista programmata a radio icaro e icaro TV lo scorso 15 maggio hanno dato forfait, imbottigliati nel traffico, dicono …

Il dibattito pubblico poteva essere un modo diverso di fare politica vicino alla gente e di mettere in luce – per Bordoni - le contraddizioni di un’amministrazione che mira solo a tenersi stretta il potere. Sembra invece che facciano campagna elettorale insieme.

Peccato, un’occasione persa per tutti, soprattutto per chi – i marignanesi – vuole informarsi e fare una scelta elettorale consapevole e partecipata.

L’interesse dei marignanesi a capire come potrà essere il loro futuro non importa. Lo slogan del PD “A San Giovanni si sta bene, cambiare non conviene” sembra più una minaccia che una promessa. Del resto, poi, le promesse – che verranno puntualmente disattese - le faranno porta a porta, promettendo lotti, favori, agevolazioni personalizzate.

Ma che politica è questa?! Una politica di altri tempi, da padroni-padrini. La politica del business, dei sotterfugi, degli inciuci!!! Il blocco di potere del PD che sostiene l’amministrazione di San Giovanni in Marignano e i loro amici della Destra non vogliono, non possono confrontarsi perché il confronto è democratico, stimolante, pluralista. Un’altra politica è possibile. Davvero. Svegliati San Giovanni!!!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusate ma quando siete diventati gli unici difensori della libertà? Se qualcuno non accetta le vostre regole è un poco di buono? Mi dispiace ma la democrazia è anche accettare un pensiero differente dal vostro.
Saluti

Anonimo ha detto...

E' evidente che chi si nasconde ha i suoi motivi, sicuramente questi motivi non li hanno messi nei programmi elettorali...
MenteLocale ha dato prova di non avere nulla da nascondere, di non nascondersi in trincea come se le elezioni fossero una guerra tra bande, ma di cercare il dialogo ed il confronto con TUTTI!
-Marco-

giovanna ha detto...

il confronto è una peculiriatà della democrazia. Se uno non accetta il confronto, ed ha tutti i diritti di farlo, non può pretendere che il suo rifiuto non sia fatto conoscere ai cittadini.
saluti enrico

letizia ha detto...

anonimo, non c'è nessuna regola, nessuna costrizione, era un suggerimento, un'idea per cercare di fare una campagna elettorale partecipata, pluralista ... così hanno fatto a coriano, a morciano e senza mentelocale!!!

Anonimo ha detto...

Anche i candidati presidenti della Provincia hanno fatto il confronto.

Se il problema sono gli impegni perchè non lo si fa l'ultima sera in Piazza

Anonimo ha detto...

"Meno le persone sanno di come vengono fatte le salsicce e le leggi e meglio dormono la notte"(Otto von Bismarck)".


Meno i marignanesi sanno di come verra' fatto il nuovo psc e il compartone e meglio dormono la notte.

Buonanotte San Giovanni

mala ha detto...

ma che difensore della legge!!
ma lo sai che ogni volta che è stata fatta un'osservazione, dalla più banale di spostare i giochi per i bimbi piccoli al parco, al chiedere che vengano annullate le barriere architettoniche, dal porta a porta al tagliare l'erba perchè troppo alta, la risposta di tutti dal funzionario agli assessori di competenza è sempre stata quella di mettersi sulla difensiva, con la scusa che tutto è a norma e che il responsabile non è in ufficio , e che non bisogna sempre attaqccare e dare contro.
ma la posizione di tante persone è propositiva e se quelli là hanno il fuoco sotto al culo devono cambiare mestiere.
perchè non abbassano tutti ibancomat per chi è in carrozzina?, perchè sui marciapiedi non ci si può andare con una carrozzina? e così tanta altre domande, ma questo non è dar contro è aiutare chi di dovere a fare le cose con senso ma loro se la prendono come una cosa personale.
guarda il centro giovani, cosa c'è scritto fuori centro giovani aperto dalla alle?
no! c'è il cartello adesivo di chi sta dentro , cioè L'alternoteca, e le loro iniziative meritevoli.
i giovani di sangiovanni possono andarci al pomeriggio o alla sera lì dentro? nessuno lo sa'.
ma questo non è andare contro è dire quello che non va come la fontana dietro al comune che guarda un pò sta subendo un restailing, diventarà una piazzetta con neanche un filo d'ombra.
o i lavori intorno alla chiesa di santa lucia non c'è un'accesso per i disabili per andare in farmacia con una carrozzina scalini erighini. però se si dice qualcosa è andare contro a chi amministra. bè almeno ammettessero la stronzata del lavoro dietro al comune avrebbero il merito dell'onestà.
o i marignanesi si svegliano oppure sarà sempre la solita puzza
non si tratta della legge o della libertà si tratta di scegliere da che parte stare.
svegli sang iovanni chiunque vada su il 7 giugno ci sarà un paese che non starà più zitto se le cose non vanno bene.